UN SISMA A TUTTO TONDO PER FIR CB

Da 24 agosto la Federazione Italiana Ricetrasmissioni testa la propria riorganizzazione Non solo comunicazioni ma anche ict, trasporti, logistica, cucina ed assistenza agli enti Ad un mese dal terremoto che ha colpito il Centro Italia la Federazione Italiana Ricetrasmissioni fa il punto sul proprio intervento

Per una serie di fortuite coincidenze il personale dell’Unità di Crisi Nazionale, la Sala Operativa Virtuale della FIR, era attivo alle 3.36 del mattino del 24 agosto. Da lì, tramite tutta una serie di feedback passanti attraverso i social network, le televisioni “all news” ed i contatti in zona la macchina si è messa in moto. Già intorno alle 5 e 30 i primi elementi della colonna mobile erano allertati. Da una parte l’ “Advanced Team” ossia il gruppo di prima valutazione propedeutico alla installazione di un campo di assistenza alla popolazione, proveniente da Fano. Dall’altra, con componenti toscane, piemontesi e lombarde, il “Radio Team”, cioè la componente della colonna specializzata nelle comunicazioni d’emergenza. Una volta giunti sul posto la situazione si è dimostrata ben diversa da quanto ipotizzato. La telefonia mobile si è rivelata quasi intatta mentre, a fronte di un alto numero di morti, il numero di sfollati da assistere era inferiore alle 5mila unità. Da qui il personale della FIR ha dato prova della propria flessibilità. Dopo la nascita di un unico gruppo operativo, sotto la direzione dello stesso DPC, i volontari hanno lavorato nella assistenza alla popolazione, sfruttando anche una colonna incentrata su mezzi medio-piccoli capaci di muoversi agevolmente fra le martoriate strade terremotate. Il personale si è impegnato anche presso il COM di Amatrice. Segreteria, assistenza alla popolazione, informazione alla stampa e collaborazione sul fronte della stesura di una rete informatica. Nel nucleo radio sono presenti anche esperti di Information Comunication Technologies i quali hanno contribuito alla installazione di parabole dati satellitari, preparazione di computer e collegamenti di un network di ufficio. Tutto questo senza dimenticare la propria specificità.

CONCLUSO L’8° CAMPO SCUOLA DI PROTEZIONE CIVILE

UNA GRANDE ESPERIENZA PER “IMPARARE A CONVIVERE CON I RISCHI DEL TERRITORIO

“Imparare a convivere con i rischi del territorio” è il messaggio che i volontari e le numerose istituzioni hanno veicolato ai cittadini e agli oltre 400 studenti coinvolti nel VIII Campo Scuola di Protezione Civile – Laurera 2016, dal 21 al 25 settembre a Volvera e Piossasco. Un’esercitazione che da ben sei edizioni si svolge sotto l’egida della Protezione Civile Nazionale e che è cresciuta nel tempo per numero di uomini e mezzi impiegati, annoverando tra i partecipanti tutte le componenti istituzionali del sistema di Protezione Civile: dalle Città di Volvera e Piossasco, Città di Torino, Città Metropolitana di Torino, Prefettura di Torino, Regione Piemonte e con l’apporto formativo della Questura, del Centro Interventi Emergenze Nord Ovest della Croce Rossa Italiana e dall’Associazione Nazionale della Pubbliche Assistenze.

IMPARARE A CONVIVERE CON I RISCHI DEL TERRITORIO

DAL 21 AL 25 SETTEMBRE A VOLVERA E PIOSSASCO (TO) VIII CAMPO SCUOLA DELLA PROTEZIONE CIVILE- LAURERA 2016

Si terrà tra Volvera e Piossasco, dal 21 al 25 settembre,  l’ VIII edizione del Campo Scuola della Protezione Civile- Laurera 2016.  Il Campo Scuola è organizzato dal Centro Servizi per il Volontariato Vol.To con il sostegno della Città di Volvera e Piossasco, Regione Piemonte, Città Metropolitana di Torino, Questura, Prefettura, del Centro Interventi Emergenze della Croce Rossa Italiana e dall’Associazione Nazionale della Pubbliche Assistenze.

GLI ANGELI DELLA….POLVERE DEL NUCLEO DELL’ASSOCIAZIONE NAZIONALE CARABINERI DI SPOLETO IN AZIONE A NORCIA CON LA COLONNA MOBILE

A Norcia e a San Pellegrino e negli altri luoghi colpiti dal terremoto operano molte realtà di soccorso umbro. Tra queste anche il Nucleo di Prot Civ dell’Associazione Nazionale Carabinieri di Spoleto, non nuovo ad impegni emergenziali sotto il Coordinamento Regionale di Volontariato e Protezione Civile dell’Umbria guidato dal Dott. Paolo Mancinelli. Partito giovedì 25 agosto alla volta di Preci e San Pellegrino e poi alla volta di Norcia con  12 volontari esperti in montaggio tende P88, all’interno del secondo contingente della Colonna Mobile dell’Umbria, dopo il turnover di lunedì scorso e quello successivo, oggi il Nucleo con un’aliquota di 6 unità tra le quali il Capo Campo, 4 automezzi, un motociclo, un carrello, una unità mobile e una tenda pneumatica, assiste nell’Area Accoglienza allestita presso la palestra dei Campi di Tennis di Norcia la popolazione colpita dal sisma. La Regione ha assegnato ai volontari dell’ANC di Spoleto il compito di presidiare h24 l’Accesso al Campo, come già per il Sisma abruzzese ed emiliano.

Al via i corsi di guida sicura in fuoristrada per i volontari

I corsi sono realizzati in collaborazione con il VI Reggimento Alpini di Brunico

Dal 25 al 29 luglio, nella Caserma Lugramani di Brunico, si è svolto il primo dei dieci corsi di guida sicura in fuoristrada che saranno realizzati nel 2016 in collaborazione con il VI Reggimento Alpini di Brunico (BZ), destinati ai volontari delle organizzazioni iscritte nell’elenco centrale del Dipartimento della Protezione civile. I corsi, coordinati dal Dipartimento della Protezione civile e organizzati grazie alla disponibilità del Comandante del VI Reggimento Alpini e degli Istruttori delle Truppe Alpine, rientrano nell’ambito della formazione per le colonne mobili delle organizzazioni nazionali di volontariato e rispondono all’esigenza di attività formative specifiche, in base a quanto previsto dal DLgs 81/2008 e dal percorso della sicurezza per i volontari di protezione civile. Un’occasione importante per migliorare le capacità dei volontari ad operare in sicurezza negli scenari più complessi, anche a bordo dei fuoristrada.

4° edizione Campo Scuola estivo di Protezione Civile

A Genazzano si formano i volontari del domani

Sotto una cascata di fuochi di artificio si è conclusa a Genazzano la quarta edizione del campo scuola estivo di protezione civile.  L’iniziativa, organizzata dalla locale associazione di volontariato con il fine di favorire la diffusione della conoscenza della protezione civile e della consapevolezza dei rischi, ha visto per la prima volta l’importante riconoscimento del Dipartimento e dell’Agenzia Regionale di protezione civile nell’ambito del progetto nazionale “Anch’io sono la protezione civile” che individua negli alunni delle scuole primarie e secondarie di primo e secondo grado il proprio target di riferimento per diffondere la conoscenza della tutela del patrimonio boschivo e naturalistico, contribuire alla prevenzione dei rischi naturali, favorire la conoscenza dei compiti del Servizio Nazionale e sensibilizzare i più giovani rispetto all’importanza dei piani di emergenza comunali.

VOLONTARIATO E VACANZE - Campo “Divina Costiera”

VIENI IN VACANZA CON NOI in Costa d’Amalfi alla Pubblica Assistenza MILLENIUM - partecipa al nostro campo. Accogliamo volontari provenienti dalle Pubbliche Assistenze ANPAS d'Italia per l'undicesimo anno. Grazie al contributo del mondo del volontariato Italiano ANPAS vogliamo aumentare e diversificare la nostra offerta di accoglienza e servizio a favore degli abitanti e dei turisti che verranno in vacanza in Costa d'Amalfi. Vieni a fare volontariato facendo vacanza in un posto bellissimo, dove potrai conoscere turisti da tutto il mondo ed apprezzare l'ospitalità ed il calore degli abitanti della Costa d'Amalfi, conoscere la sua storia ed apprezzare la sua enogastronomia.





Le Repubbliche Marinare di Amalfi Pisa Genova e Venezia unite nella storia della solidarietà e del soccorso

  “Un’iniziativa tesa a rafforzare il legame tra le quattro città oltre il Palio remiero” ha evidenziato il Sindaco di Amalfi Daniele Milano, nel dare il benvenuto ai partecipanti alla cerimonia di Gemellaggio tra le Pubbliche Assistenze Anpas (Associazione Nazionale Pubbliche Assistenze) delle quattro Repubbliche Marinare (Amalfi, Genova, Pisa, Venezia). Ad apporre la firma in rappresentanza dei quattro Comuni Giovanni Giusto (Assessore di Venezia), Marco Filippeschi (Sindaco di Pisa), Pino Boero (Assessore di Genova), Daniele Milano (Sindaco di Amalfi) ed i delegati istituzionali delle ANPAS   Giorgio Migliaccio (Vice Presidente della Croce Bianca di Genova), Daniele Vannozzi (Presidente Pubblica Assistenza di Pisa), Maurizio Cerriero (Presidente della Croce Verde di Venezia), Antonio Acunto (Presidente Pubblica Assistenza Millenium Amalfi. Alla Cerimonia è intervenuto Ilario Moreschi (Vice Presidente Nazionale ANPAS) e Antonio Aliberti (Presidente del Comitato Regionale Anpas Campania).

ECCO I NUOVI ESPERTI DI PROTEZIONE CIVILE

Anche per il 2016 il corso base in Protezione Civile organizzato dall’ Associazione Radioamatori & CB “IL PALIO” di Siena ha “diplomato” i suoi discenti. Quest’anno sono 12 i nuovi soci che hanno dedicato 6 sere del loro tempo, più un pomeriggio, per seguire le lezioni. Luogo degli incontri è stata la Sala Operativa Provinciale di Siena. I discenti provenivano sia dal mondo del volontariato, alcuni già con esperienze nel campo della Protezione Civile, sia dalla società civile. Gli argomenti che hanno affrontato sono stati studiati in modo tale da consegnare loro gli strumenti culturali giusti per capire questo mondo. Gli argomenti hanno toccato le tematiche “classiche” della normativa e della etica del volontario passando dalla organizzazione delle Sale Operative fino ad una infarinatura di radiocomunicazioni d’emergenza.

QUEROVAS 2015

Esercitazione per posti di comando per tutti i dodici comuni del feltrino con attività esercitative in comune di QueroVas A seguito evento sismico è stata attivato il COC in Comune di Quero Vas con l’attivazione dei volontari di PC del comune, Ass.Vol.PC e Aib del Comune di Quero , con compiti di controllo del territorio. A seguito del controllo effettuato si sono riscontrate due diverse tipologia di pericolo, in località La Vallina presso il torrente Tegorzo la chiusa che delimitava la portata della roggia si rompeva con il pericolo di inondazione dei sottostanti mulini antichi , inoltre in località Cilladon per una rottura parziale di un cavo dell’alta tensione si veniva a creare un principio di incendio con pericolo per abitazioni nella stessa località, in zona impervia. A seguito di queste problematiche il comune ha attivato il Coordinamento Feltrino di PC sia per eventuali comunicazioni radio che per altre associazioni di PC. in supporto Anche i Servizi Forestali Regionali per quanto di loro competenza sono intervenuti con le squadre di antincendio boschivo di Quero, Alano di Piave, Segusino, Pederobba, Coordinamento Colli Euganei per spegnere l’incendio con la dislocazione delle squadre in quattro punti vicino alle case presenti. In località la vallina si sono portati altri gruppi sempre coordinati dalla locale protezione civile con compiti di messa in sicurezza della roggia con asportazione materiale depositato e ripristino ambientale anche con il supporto delle attrezzature e operai comunali.