cerca nel sito  
Pagine totali visitate:
82757742
Pagine viste oggi:
10140
Utenti online:
11
Disaster Lab - Università Politecnica Marche
Imparare giocando ! Il rischio alluvioni
Previsioni Meteo Personalizzate
CENTRO STUDI SISTEMA PROTEZIONE CIVILE
www.pietrangeli.net
Centro Euro Mediterraneo di Documentazione
NatCanService
Scopri la rivista 2LA
UN-ISDR
ENTRA IN GRUPPO FACEBOOK SISTEMA PROTEZIONE CIVILE
Associazione SAR-Pro
ENTRA IN ASSODIMA
SPC NEWS - Newsletter di Sistema Protezione CIvile
SALA OPERATIVA MISERICORDIE
REPORT WEB-TV - OBIETTIVO SICUREZZA
SCOPRI I CORSI ED ATTIVITA' DELL'ISTITUTO
SCOPRI IL SIPEM !!!
Username:

Password:

accedi
SCOPRI I CORSI E LE ATTIVITA' DELL'ISTITUTO
PIAZZON - LAVORI IN QUOTA
TERREMOTI NEL MONDO
SPC Flash - Scopri le ultime novità !!!
VIENI AL REAS !!!
METEO NEL MONDO
ISTITUTO ITALIANO DI RESILIENZA
SCOPRI CIVILINO !!!
Onda Selvaggia
SFDRR GOALS

Cerca fra gli articoli di questa categoria

cerca nel sito  

Immagini satellitare del black-out

Approfondimento - lettura destinata solo agli utenti registrati

allegaticommentiDifesa Civile » Approfondimenti, 05 Gennaio 2009 alle 08:00:00

IL RISCHIO BLACKOUT

Ing. F.M. GATTA (Università di Roma), ing. P. MASATO(Università di Roma), ing. M.ANTONILLI (Esperto), Col. M . PIETRANGELI (MAE - UAMA)

La notte fra sabato e domenica 28 settembre 2003, in Italia, sarà ricordata per lungo tempo come la notte del black-out. Lo stesso scenario ha rischiato di riproporsi, e in alcune zone di Piemonte, Liguria e Puglia si è di nuovo verificato, fra le 22 e le 23 del 4 novembre 2006. In quest’articolo, si vogliono  presentare le problematiche connesse ad eventi del genere, descrivendo il sistema di produzione –trasmissione – utilizzazione dell’energia elettrica in Italia, unitamente alle funzioni pertinenti alla Difesa Civile in frangenti di questo tipo.

Approfondimento - lettura destinata solo agli utenti registrati

allegatiDifesa Civile » Approfondimenti, 22 Novembre 2008 alle 10:08:34

I TRENI DELL’EMERGENZA

Mario Pietrangeli

Caio Giulio Cesare, condottiero romano, governatore delle Gallie durante la conquista e l’occupazione di quel vasto territorio, durata dall’anno 58 all’anno 50 avanti Cristo, dovette passare le Alpi alla testa di ben tre legioni di soldati.

Essi procedevano lentamente a piedi ed erano seguiti  da pesanti carri trainati da cavalli, somari, muli, con i quali venivano trasportati   i viveri i rifornimenti, le attrezzature militari; Giulio Cesare stesso definì questi mezzi, con espressione quanto mai arguta e realistica ad un tempo, “impedimenta”, nei suoi “Commentari della Guerra Gallica”, testo che molti di noi, hanno letto e tradotto dal latino negli anni lontani dai banchi del liceo.

Ma questo  elemento (le  “impedimenta”) non è citato a caso, vuole  significare che anche nei tempi più antichi gli eserciti avevano necessità di mezzi di trasporto.

pagina 1 di 1