cerca nel sito  
Pagine totali visitate:
96412896
Pagine viste oggi:
10615
Utenti online:
32
SCOPRI I CORSI ED ATTIVITA' DELL'ISTITUTO
ENTRA IN GRUPPO FACEBOOK SISTEMA PROTEZIONE CIVILE
Imparare giocando ! Il rischio alluvioni
UN-ISDR
Disaster Lab - Università Politecnica Marche
CENTRO STUDI SISTEMA PROTEZIONE CIVILE
Username:

Password:

accedi
SCOPRI I CORSI E LE ATTIVITA' DELL'ISTITUTO
Progetto LINKS
SFDRR GOALS
ISTITUTO ITALIANO DI RESILIENZA

David Alexander

David Alexander
  • Ruolo: esperti
  • Area tematica: Protezione Civile
  • Attuale lavoro: Professore Ordinario presso il CESPRO, Centro di Studio della Protezione Civile dell'Università di Firenze.
  • Professione: Professore universitario, ricercatore e studioso di Protezione Civile
  • E-Mail: d.alexander@virgilio.it
  • Curriculum: scarica


Il prof. Alexander è nato a Londra nel 1953 e si è laureato in geografia alla London School of Economics. Nel 1977 ha preso il dottorato di ricerca a University College, Università di Londra, con una tesi sulla geomorfologia dell'Italia meridionale. Dal 1978 al 1980 Alexander è stato ricercatore (Research Fellow) in geomorfologia, sempre alla University College London, dove ha eseguito studi sull'erosione del suolo nel sud d'Italia. Ha insegnato negli Stati Uniti, dal 1981 al 2002, presso l'Università del Massachusetts, in qualità di professore ordinario. Sotto questo incarico egli ha insegnato lo studio delle calamità naturali, la geografia fisica, la geomorfologia, e la geografia ambientale. Come Professore a contratto ha insegnato alle Università di Firenze, Perugia, Siena e Urbino, e all'Università del Sud Pacifico nelle Isole Figi. Inoltre, ha eseguito dei lavori di consulenza in Bangladesh, Iran e Perù. Per l'anno accademico 2002-3 Dr Alexander è stato Professore Ordinario di Gestione dei Disastri e Direttore del Centro per la Gestione dei Disastri all'Università di Cranfield, con sede all'Accademia Reale di Scienze Militari in Inghilterra. Dopo un breve periodo come Professore Ordinario di Gestione dei Disastri e Direttore dell'omonimo dipartimento all'Università di Coventry, il Prof. Alexander si è trasferito in Italia, dove è attualmente Professore Ordinario a Contratto Ministeriale presso il CESPRO, Centro di Studio della Protezione Civile dell'Università di Firenze.

Il Prof. Alexander ha vissuto in prima persona il terremoto del 23 novembre 1980 in Italia meridionale, il quale ha severamente danneggiato la casa in cui alloggiava. In seguito a questo, la protezione civile è diventata il suo principale obiettivo di ricerca. Ha pubblicato più di 100 articoli, rapporto e saggi, che comprendono studi delle frane sismiche, la pianificazione delle aree urbane terremotate, la logistica nelle emergenze, e l'epidemiologia dei disastri. Un suo libro su questi temi è stato pubblicato a Bologna nel 1990 con il titolo di Calamità Naturali e, in forma molto ampliata, nel 1993 a Londra, New York e Dordrecht (Olanda) con il titolo Natural Disasters. Un altro suo libro sul tema, Confronting Catastrophe, è uscito in Inghilterra e in America all'inizio del 2000, seguito nel 2002 da Principles of Emergency Planning and Management.

David Alexander è membro dei Comitati editoriali delle riviste Geomorphology (Amsterdam e New York), Natural Hazards (Amsterdam e Sidney), Disaster Prevention and Management (Bradford), Natural Hazards and Earth System Sciences (Berlino) e Journal of Seismology and Earthquake Engineering (Tehran). Per oltre 16 anni egli ha diretto la rivista internazionale Environmental Management, pubblicato a New York dalla Springer Science Editrice. Insieme al Prof. Rhodes W. Fairbridge, Alexander ha curato, e in parte scritto, la Encyclopedia of Environmental Science per la Springer. Ora sta curando la Encyclopedia of Natural Hazards per la stessa casa editrice. Inoltre, è Co-Direttore della rivista Disasters: International Journal of Disaster Studies and Management della Blackwell Editrice di Oxford, Regno Unito.

David Alexander è membro della Commissione Nazionale sulle Calamità Naturali della Gran Bretagna e del Consiglio Scientifico del CESPRO dell'Università di Firenze, dove ha contribuito alla fondazione dell'International Institute of Crisis and Security Studies.