cerca nel sito  
Pagine totali visitate:
96412921
Pagine viste oggi:
10640
Utenti online:
34
CENTRO STUDI SISTEMA PROTEZIONE CIVILE
UN-ISDR
Disaster Lab - Università Politecnica Marche
SCOPRI I CORSI ED ATTIVITA' DELL'ISTITUTO
Imparare giocando ! Il rischio alluvioni
ENTRA IN GRUPPO FACEBOOK SISTEMA PROTEZIONE CIVILE
Username:

Password:

accedi
SFDRR GOALS
SCOPRI I CORSI E LE ATTIVITA' DELL'ISTITUTO
Progetto LINKS
ISTITUTO ITALIANO DI RESILIENZA
fotogalleryProtezione Civile » Esercitazioni, 16 Giugno 2016 alle 10:43:43

ESERCITAZIONE EUROPEA TRIMODEX 2016

Il gruppo TAST di Regione Piemonte è reduce dalla esercitazione TRIMODEX 2016.Fra i funzionati e volontari anche personale FIR CB esperto in comunicazioni e ICT

Ezio Sabatini


Ci troviamo nel libero stato di Azuria, dilaniato da una lunga guerra civile fra le tue etnie che ne compongono la maggioranza della popolazione. A seguito di un devastante tifone le autorità locali hanno accettato la proposta di aiuto presentata dal’ Unione Europea. Dopo essere riusciti a superare la barriera linguistica ed affrontato la burocrazia della dogana extra UE le squadre provenienti da ItaliaRepubblica CecaSpagna e Regno Unito sono appena giunti nel cuore del dell’evento.  Con loro hanno pochissimo materiale, sostanzialmente solo bagaglio a mano ed un pugno di confezioni di cibo liofilizzato. Possono rifornirsi sul posto di beni e servizi,  sempre nei limiti di quanto permesso da una situazione emergenziale. Nonostante tutto per loro le dotazioni tecnologiche nel campo delle telecomunicazioni e dell’ informatica sono allo stato dell’arte. Questa non è la trama dell’ultimo techno thriller che potremmo trovare il libreria ma è la storia della esercitazione europea TRIMODEX 3 che si è svolta lo scorso mese di maggio, dal 26 al 29, presso il centro di formazione per il soccorso di Weeze in Germania. Il team italiano, guidato da Luca Mensio di Regione Piemonte era composto anche dall’altro funzionario Simone Toro e da Paola Berardelli che aveva il compito di co-trainer nel meccanismo esercitativo. Assieme a loro Andrea Placidi del settore telecomunicazioni del Dipartimento della Protezione Civile Nazionale e l’esperto di cartografia, Fabio Giulio Toniolo,  dipendente del consorzio ITACA del Politecnico di Torino. Il Coordinamento Territoriale del Volontariato di Verbania-Cusio-Ossola ha messo a disposizione i volontari Francesco CottiStefano Crivelli e Claudia Corbelli. In TRIMODEX è stata importante anche la presenza dei volontari esperti della Federazione Italiana Ricetrasmissioni per il tramite del coordinamento territoriale di volontariato della provincia di Alessandria. Per loro impegno a tutto tondo fra telecomunicazioni, information e comunication tecnology e logistica con  Gualtiero EspositoMarco FaggianoSalvatore Manganaro mentre, dalla madrepatria.  Luca Zerboniha garantito un servizio di assistenza remota e back office, insieme al collega Roberto Colangelo di Regione Piemonte con il sistema di Protezione Civile Regionale. L’Italia mette a disposizione della Protezione Civile Europea le risorse di due regioni, Marche e Piemonte. In questa occasione si è mosso il nucleo TAST che fa riferimento a Torino.  Il modulo del Technical Assistance Support Team, ha il compito di fornire supporto ed assistenza tecnico-logistica ai gruppi europei di esperti per effettuare un rapido assesment dell’emergenza e facilitare l’arrivo dell’assistenza internazionale, in raccordo con le autorità nazionali del paese colpito. Il primo dispiegamento  fu in Estonia nel maggio 2014 per l’esercitazione MODEX.



Un ponte radio mobile su tecnologia digitale, la cui frequenza di utilizzo è stata preventivamente concordata con le autorità locali, garantirà il collegamento  fra i vari componenti del team italiano, oltre che la loro localizzazione tramite gps. Grazie ad un collegamento satellitare campale la stessa radio sarà utilizzata per il collegamento direttamente con l’Italia, poiché non è presente alcun campo telefonico. Ad un certo punto, proprio nel cuore delle attività di soccorso, la situazione fra le parti in lotta precipita ed il campo base degli europei diviene un “legittimo” obiettivo militare, con l’unica soluzione disponibile di evacuare nel minor tempo possibile la struttura portando con se lo stretto necessario.



FOTOGALLERY

COMMENTI (0)

Effettua il login per aggiungere un commento.