cerca nel sito  
Pagine totali visitate:
91920826
Pagine viste oggi:
4030
Utenti online:
50
Disaster Lab - Università Politecnica Marche
www.pietrangeli.net
UN-ISDR
SCOPRI IL SIPEM !!!
SALA OPERATIVA MISERICORDIE
SCOPRI I CORSI ED ATTIVITA' DELL'ISTITUTO
Previsioni Meteo Personalizzate
SPC NEWS - Newsletter di Sistema Protezione CIvile
Centro Euro Mediterraneo di Documentazione
CENTRO STUDI SISTEMA PROTEZIONE CIVILE
Scopri la rivista 2LA
Imparare giocando ! Il rischio alluvioni
ENTRA IN GRUPPO FACEBOOK SISTEMA PROTEZIONE CIVILE
Associazione SAR-Pro
ENTRA IN ASSODIMA
NatCanService
COVID 19 - TEST !!!
Username:

Password:

accedi
ISTITUTO ITALIANO DI RESILIENZA
PIAZZON - LAVORI IN QUOTA
Onda Selvaggia
SCOPRI CIVILINO !!!
SCOPRI I CORSI E LE ATTIVITA' DELL'ISTITUTO
METEO NEL MONDO
TERREMOTI NEL MONDO
SPC Flash - Scopri le ultime novità !!!
SFDRR GOALS
Sicurezza sul Lavoro » Annunci e Notizie, 25 Novembre 2011 alle 10:15:26

Definizione dei rischi e D.P.I. per gli operatori antincendio boschivo

Supplemento ordinario n. 169 al Bollettino Ufficiale della Regione Lazio n. 37 del 7 ottobre 2011

fonte: Gianpaolo Caputo

Nell’ambito del Piano regionale di previsione¸ prevenzione e lotta attiva agli incendi boschivi – periodo 2011 – 2014¸ una sezione è dedicata al Rischio cui sono esposti gli operatori e i Dispositivi di Protezione Individuale (D.P.I.). Gli operatori impegnati nelle attività di prevenzione e soprattuttodi spegnimento degli incendi boschivi¸ sono esposti al rischio di ustioni¸ traumi¸ ferita¸ abrasioni¸ malori¸ danni all’apparato respiratorio¸ intossicazione per inalazione di fumi¸ morsi di animali e punture di insetti.

È fondamentale quindi che gli stessi siano equipaggiati con Dispositivi di Protezione Individualecertificata idoneità fisica e che siano dotati di adeguata formazione. Il D.P.I deve proteggere l’operatore da contatti con le fiamme¸ da corpi surriscaldati o in combustione¸ evitare che il calore raggiunga la superficie corporea e¸ allo stesso tempo¸ consentire di smaltire il calore corporeo prodotto a seguito dell’attività fisica. Per quanto riguarda l’idoneità fisica¸ la Legge 353/2000 stabilisce che il volontario deve essere fisicamente idoneo; la Conferenza delle regioni¸ in data 25 luglio 2000¸ ha stabilito che per i volontari non impegnati direttamente sul fronte del fuoco è sufficiente il certificato di sana e robusta costituzione rilasciato dal medico di famiglia; per i volontari impegnati sul fronte del fuoco costituisce requisito minimo la certificazione di idoneità alla mansione da rilasciarsi a cura del medico competente o da altra autorità sanitaria competente secondo il protocollo sanitario minimo stabilito.

Per saperne di più: Bollettino Ufficiale Regione Lazio (n.37/2011)

COMMENTI (0)

Effettua il login per aggiungere un commento.